ReggioEmilia.press

Tutte le notizie su Reggio Emilia e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Reggio Emilia, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Stazione, spacciavano vicino a sede polizia: arrestati

REGGIO EMILIA – Non e’ il massimo della ‘fortuna’, per uno spacciatore di droga, avere come ‘vicini di casa’ gli agenti di una stazione di Polizia. Proprio questo e’ invece capitato ad un pusher nigeriano di 23 anni, residente in zona stazione arrestato nei giorni scorsi, che, da marzo, non mancava di lamentarsi nel quartiere della riapertura del presidio della Polizia di Stato di via Turri, annunciando l’intenzione di traslocare quanto prima.


Non ne ha avuto il tempo perche’ e’ finito in manette insieme al suo coinquilino, un connazionale di 31 anni, con cui condivideva oltre che l’appartamento a pochi metri dall’ufficio delle Forze dell’ordine, l’attivita’ “esclusiva e continuata” di spaccio di stupefacenti. I due operavano in zona stazione, prevalentemente vicino al supermercato coop di via Sani e al campo di basket di via Turri.


Le indagini della Polizia, partite a febbraio e realizzate con appostamenti e intercettazioni telefoniche hanno ricostruito almeno 500 cessioni di eroina, cocaina e marijuana. In piu’, nell’appartamento dei due giovani, gli agenti hanno trovato dosi di eroina gia’ confezionate e presumibilmente pronte per lo spaccio al minuto. La vendita di piccole quantita’ di droga alla volta, secondo gli investigatori, non era casuale ma un “modus operandi” appositamente pianificato.


La Polizia ha quindi esteso le ricerche anche ai “fornitori” dello stupefacente, identificandone alcuni nelle due donne nigeriane arrestate lo scorso 13 maggio con 33 ovuli di cocaina in corpo, nascosti nella pancia e nei genitali.


Tutta l’operazione, spiega il capo della squadra Mobile reggiana, si e’ svolta infine “d’intesa con la Procura, in modo da contestualizzare con piu’ dati possibile la situazione dello spaccio in stazione”. I due nigeriani, infatti, non sono stati arrestati in flagranza di reato mentre vendevano le singole dosi, ma “in differita”, per raccogliere altri elementi di colpevolezza a loro carico, come ad esempio l’acquisto di una partita di tre etti di droga. In sede di convalida dell’arresto degli stranieri, il giudice ha potuto cosi’ disporre per entrambi la custodia cautelare in carcere e contestare il reato di spaccio “non di lieve entita’”.