ReggioEmilia.press

Tutte le notizie su Reggio Emilia e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Reggio Emilia, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Reggio Emilia, via ai centri estivi anche per i bimbi della fascia 3-6 anni

REGGIO EMILIA – Via libera a Reggio Emilia anche per i centri estivi per la fascia 3-6 anni. La dimensione educativa e ludica e le modalità di riapertura e gestione oscillano, gioco forza, tra i contenuti del Reggio Emilia Approach, le disposizioni normative nazionali e regionali a tutela della salute ed a contenimento del fenomeno pandemico, le disponibilità economiche per fare fronte alla realizzazione di un progetto oneroso sul piano delle risorse sia umane sia materiali. Il Protocollo si sforza di tenere in equilibrio questi tre aspetti, dopo un lavoro di concertazione e condivisione che, con la supervisione della Amministrazione comunale, ha coinvolto i soggetti gestori dei Centri (cooperative sociali, Istituzione Scuole e Nidi dell’Infanzia del Comune, Scuole Fism, associazioni di promozione sociale, società sportive, associazioni culturali) per la definizione degli aspetti organizzativi, economici, culturali e igienico-sanitari su cui si fonda la riprogettazione dei servizi estivi di tutti i soggetti sottoscrittori.”

“Se sommiamo i 1.400 posti messi a disposizione di bambine e bambini della fascia 3-6 anni ai 2.600 dedicati alla fascia fino ai 14 anni, presentati alcuni giorni fa, abbiamo 4.000 posti nei Centri estivi di Reggio Emilia, per l’estate 2020: un’offerta rilevante sul piano quantitativo, ma ancor più sotto il profilo qualitativo dell’offerta educativa e ricreativa, oltre che della sicurezza sanitaria. Un lavoro collettivo degli attori dell’educazione e della sanità, di cui possiamo essere contenti”, ha detto il sindaco Luca Vecchi, che ha presentato alla stampa la proposta educativa per l’estate.

“I presupposti del nostro lavoro – ha spiegato l’assessora all’Educazione, Raffaella Curioni – sono stati i diritti dell’infanzia e delle famiglie, i contenuti educativi e la sicurezza sanitaria, declinati con modalità necessariamente nuove. Essere comunità e condividere gli stessi problemi ci ha aiutato in questa operazione complessa, che ha esitato un Protocollo che consente unitarietà e chiarezza dell’offerta nei suoi aspetti cruciali”.

 Sono stati resi disponibili in tutto 1.400 posti, di cui 890 a diretta gestione comunale o a gestione di cooperative di educazione, e oltre 500 gestiti dagli altri soggetti attori.
La possibilità di accedere al Centri estivi delle Scuole d’infanzia comunali, con strutture a gestione diretta o in convenzione, è stata aperta a tutti i bambini e le bambine già frequentanti gli stessi servizi educativi, le cui famiglie hanno potuto fare domanda fino al 9 giugno, dopo una informazione dedicata agli interessati sui siti istituzionali e alle famiglie. In questo caso, Centri estivi sono dal 15 giugno al 17 luglio (con possibilità di scegliere il modulo dal 15 al 30 giugno e/o dal 1 al 17 luglio), dal lunedì al venerdì.
Per i soggetti privati del sistema educativo reggiano, invece, è consentita la possibilità di aprire anche nella seconda parte dell’estate e fino all’inizio dell’anno scolastico 2020-21, modulando in modo differente l’offerta.
Le attività dei Centri estivi delle scuole comunali a gestione diretta o convenzionata si svolgeranno dalle ore 8 alle 13. Negli altri casi, può essere disponibile la permanenza pomeridiana, in base alle scelte e all’offerta di ciascun gestore privato.
Il bando di iscrizione promosso dall’Istituzione Scuole e Nidi dell’infanzia del Comune offriva 890 posti nelle scuole comunali a gestione diretta o da cooperative. Le domande pervenute sono state 761.

Nelle scuole comunali e in convenzione, la retta a carico delle famiglie è di 100 euro a modulo, quindi circa 50 euro a settimana, indipendentemente dall’Isee (sono esonerate dal pagamento della retta le famiglie con un Isee fino a 8.300 euro).
Per le scuole con titolarità di altri gestori, il valore della retta è definito autonomamente.
È possibile richiedere un contributo economico per il pagamento della retta tramite il bando conciliazione Vita-lavoro promosso dalla Regione Emilia-Romagna e utilizzabile per coprire le spese dei servizi educativi estivi e consultabile all’indirizzo: www.comune.re.it/Memo e scadenze/Bando Conciliazione.

L'articolo Reggio Emilia, via ai centri estivi anche per i bimbi della fascia 3-6 anni proviene da Reggionline - Quotidianionline - Telereggio - Trc - TRM.


ReggioEmilia.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza