ReggioEmilia.press

Tutte le notizie su Reggio Emilia e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Reggio Emilia, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Impianto biogas, Iren: “E’ un progetto all’avanguardia”. VIDEO

REGGIO EMILIA – Cadino, frazione di Faedo, nella valle dell’Adige, in provincia di Trento: è qui che sorge un impianto per il trattamento dell’umido proveniente dalla raccolta differenziata simile a quello che Iren vorrebbe realizzare nelle campagne di Gavassa.

Simile ma non uguale perché, sottolinea l’ingegner Mauro Pergetti di Iren, le tecnologie proposte per Reggio sono più avanzate, considerando che il biodigestore trentino è stato inaugurato 7 anni fa. L’impianto di Cadino tratta la frazione organica delle province di Trento e Bolzano. Quello che Iren chiede di costruire fra Prato e Gavassa tratterebbe l’umido, gli sfalci e le potature delle province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza.

“Questo impianto raccoglie questi materiali – oggi nella nostra provincia quasi 40mila tonnellate – e tramite processi biologici naturali avviene la trasformazione delle sostanze organiche per produrre compost e biometano”, ha spiegato Pergetti, che ha cercato di rispondere alle critiche e alle preoccupazioni. L’ingegnere ha ricordato che l’impianto sorgerebbe su un’area a ridosso dell’autostrada già da tempo destinata ad attività produttive, sostenendo che le tecnologie più moderne riducono quasi a zero gli odori. Ha poi sottolineato che i mezzi che trasportano la frazione organica all’impianto non sono traffico in più, perché circolano anche adesso, solo che vanno da Reggio Emilia a Carpi anziché a Gavassa.

“Abbiamo valutato nell’intorno del sito l’impatto de traffico e abbiamo visto che è trascurabile: meno del 3% nelle ore di punta. Crediamo che non sia questo un elemento critico del progetto”, le sue parole. Il dirigente di Iren ha ricordato anche il quadro generale: dopo lo spegnimento dell’inceneritore di Cavazzoli e la chiusura delle discariche di Poiatica e Rio Riazzone, i rifiuti reggiani vanno fuori provincia, la frazione organica nel Modenese, i rifiuti indifferenziati, la carta e la plastica a Parma. “E’ chiaro che per riequilibrare i carichi ambientali sul territorio – ha detto – si è pensato che Reggio Emilia si dovesse fare carico di un flusso di questi rifiuti, in particolare la frazione organica”.

L'articolo Impianto biogas, Iren: “E’ un progetto all’avanguardia”. VIDEO proviene da Reggionline.


ReggioEmilia.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza