ReggioEmilia.press

Tutte le notizie su Reggio Emilia e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Reggio Emilia, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Il calciomercato e i suoi re: il mestiere del procuratore sportivo. VIDEO

REGGIO EMILIA – I mesi più impegnativi? Luglio e agosto e poi gennaio. L’abbigliamento del procuratore sportivo è elegante (possibilmente senza eccessi) in corso Como a Milano e negli hotel in cui si chiudono le trattative, che possono durare un anno o anche pochi giorni. Sui campi invece si va casual. Gli interlocutori sono tanti e variegati, vanno da mamme e papà in ansia per i loro piccoli talenti ai grandi nomi del calcio di serie A. Ma non chiamate i calciatori bizzosi e superpagati: “Sono ragazzi come gli altri, anche più fragili del normale…ragazzi che maturano molto presto, che studiano, che sanno le lingue”. Jean-Christophe Cataliotti è reggiano di mamma francese e papà siciliano. 49 anni, avvocato, dal 2001 è procuratore e il suo nome è noto in Italia. E’ spesso ospite dei maggiori programmi di calcio mercato. “Fa bene al calcio italiano che arrivino grandi campioni come Cristiano Ronaldo… Sono contento anche per il ritorno di Ibrahimovic; però bisogna pensare anche ai giovani”.

Di nomi su cui ha trattative in corso Cataliotti non ne fa; ma dice con chi sognava di lavorare, giocatori che l’hanno ispirato nella scelta di diventare procuratore: “Cassano, un grande talento che avrebbe potuto dare molto di più al calcio italiano, e poi Roberto Baggio”.

Avere a che fare con i genitori di giovanissimi talenti, praticamente bambini, può essere più dura che piazzare bene un big del pallone: “I genitori – dice – pensano sempre di avere in casa il nuovo Ronaldo: è comprensibile, ma devono prima di tutto capire che il ragazzo deve divertirsi. Uno bravo lo si decifra anche a 12-13 anni”.

Le sfide piacciono, a Cataliotti. Tanto che dal 2012 ha aperto una scuola, qui a Reggio. Perché sono finiti i tempi della liberalizzazione del 2015, adesso diventare procuratore non è uno scherzo, ci sono due esami da superare. E sulla Reggiana e la corsa alla B “è un’ottima squadra – dice – sono stati bravi, un bravissimo allenatore: manca davvero poco per avvicinarsi alla qualità del Vicenza che è molto ben attrezzata”.

L'articolo Il calciomercato e i suoi re: il mestiere del procuratore sportivo. VIDEO proviene da Reggionline - Quotidianionline - Telereggio - Trc - TRM.


ReggioEmilia.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza