ReggioEmilia.press

Tutte le notizie su Reggio Emilia e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Reggio Emilia, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Fallimento Ac Reggiana Spa, presentato il progetto di stato passivo: esclusioni eccellenti tra i creditori

REGGIO EMILIA – Il curatore fallimentare della Ac Reggiana Spa, Maria Domenica Costetti, ha inviato nel pomeriggio il progetto di stato passivo a tutti i creditori. Non sono mancate le sorprese, in attesa delle osservazioni delle parti e – in ogni caso – della decisione del giudice.

Sono 119 i creditori ammessi citati nel progetto. Il totale delle richieste era di 4.928.178 euro. Il curatore ha riconosciuto l’ammissibilità di crediti per 3.594.000 euro. Il progetto sarà esaminato dall’assemblea dei creditori il 14 maggio alle 9,30 in tribunale a Reggio. Chi si è visto escludere in toto o in parte le richieste, potrà presentare una memoria entro 5 giorni dall’udienza, per cercare di portare il giudice dalla propria

Tra le esclusioni eccellenti, al momento, c’è quella dell’ex dirigente Monica Torreggiani, che ha depositato una richiesta per 152mila euro respinta in toto. Facile immaginare una contromossa da parte del suo avvocato, Giulio Cesare Bonazzi. E’ stato ammesso invece l’ex presidente Stefano Compagni per un totale di 22omila euro (118mila come persona fisica, il resto come Mectiles). Lo stesso dicasi per il Comune di Reggio (87mila euro) e per Mapei Stadium (ne chiedeva 700mila, ammessi al progetto 632 mila). Importante è il credito vantato dall’Agenzia delle Entrate e ammesso dal curatore, 1.100.000 euro.

Ci sono differenze importanti tra i crediti vantati dai calciatori e quelli ammessi. Un esempio? Il capitano Paolo Rozzio: 122mila euro richiesti, 18mila ammessi al progetto.

Tra i creditori ammessi in toto anche il direttore commerciale Daniele Rocchi (che depositò per primo l’istanza di fallimento), il segretario generale Nicola Simonelli e il magazziniere Matteo Ferri. Ci sono lievi differenze per quanto riguarda il direttore sportivo Giuseppe Magalini e il team manager Andrea Malpeli. Questi ultimi cinque sono tutti assistiti dall’avvocato Stefano Ferri.

Per quanto riguarda il futuro del marchio, che non rientra nel progetto di stato passivo, tutto lascia pensare che si arriverà ad una vendita competitiva. Quando? Tempi tecnici portano a pensare alla prima metà di giugno.

L'articolo Fallimento Ac Reggiana Spa, presentato il progetto di stato passivo: esclusioni eccellenti tra i creditori proviene da Reggionline.