ReggioEmilia.press

Tutte le notizie su Reggio Emilia e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Reggio Emilia, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Coronavirus, chiude il reparto Covid di Villa Verde

REGGIO EMILIA – A Reggio Emilia si registra un segnale importante nella lotta al coronavirus. Questa mattina infatti e’ stato dimesso l’ultimo paziente contagiato da Villa Verde, clinica privata riconvertita a ospedale covid il 15 marzo, che chiude quindi il suo reparto dedicato all’emergenza. Qui i posti letto sarebbero dovuti essere 15, ma con l’aggravarsi della diffusione del virus, gli spazi sono stati riorganizzati per ricavarne 45.


La clinica ha inoltre supportato l’ospedale Santa Maria “prestando” i propri medici anestesisti. Nella casa di cura sono stati contagiati anche tre medici e diversi operatori, tutti fortunatamente senza gravi implicazioni. “Al termine di questa terribile emergenza il numero dei guariti del reparto Covid della Casa di Cura e’ di gran lunga superiore al numero dei decessi che purtroppo ha colpito persone anziane con patologie pregresse con quadri clinici di grande fragilita’ che il Covid ha drammaticamente accentuato”, dice il presidente di Villa Verde Fabrizio Franzini.


“Il tasso di mortalita’, confrontato con lo stesso periodo del 2019, e’ di quattro punti percentuali in piu’. Un aumento modesto, ma che testimonia la violenza a cui e’ stata sottoposta anche Villa Verde durante i difficili giorni dell’esplosione della pandemia e da cui oggi, con l’ultimo paziente dimesso, puo’ dirsi finalmente uscita”.


Il sindaco Luca Vecchi commenta: “Ognuno di noi nel proprio ruolo ha cercato di dare il meglio e la citta’ ha saputo affrontare in modo molto unito questa emergenza. Qui a Villa Verde e’ accaduto cio’ che non e’ scontato: la collaborazione efficace e solida tra pubblico e privato, dove il privato ha saputo assolvere una funzione di rilevantissimo interesse pubblico, di essere cioe’ elemento integrativo e rafforzativo del Servizio sanitario nazionale”.


ReggioEmilia.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza