ReggioEmilia.press

Tutte le notizie su Reggio Emilia e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Reggio Emilia, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Canzone choc su Aemilia, il Ctl non concede la sala per il concerto

BAGNOLO (Reggio Emilia) – Il consiglio di amministrazione del Ctl di Bagnolo, riunitosi questa mattina, ha deciso all’unanimità di non concedere la sala per il concerto dei neomelodici napoletani che doveva tenersi l’11 maggio e a cui doveva partecipare anche Gianni Live, l’artista che il 7 marzo scorso, ha pubblicato sul canale di YouTube, una canzone dal titolo “Pe e Guagliune e l’Aemilia” (per i guaglioni del processo Aemilia) con tanto di video ufficiale che riporta i momenti salienti del maxi processo Aemilia.


Werther Borelli, presidente del Ctl, aveva detto ieri a Reggio Sera: “Avevamo affittato, come altre volte, il salone a chi doveva fare questa cosa canora con i cantanti napoletani. Ma ora, dopo quello che è successo, raduno il consiglio e poi prenderemo le decisioni opportune. Voglio chiarire che la Ctl non ha organizzato niente e ha solo affittato il salone. Non sapevamo chi cantava. Questa cosa qua che è uscita è stata una novità. Noi dobbiamo salvare l’immagine della cooperativa. Siamo aperti a tutti, ma nei limiti”.


Nel ritornello della canzone di Gianni Live, poi cancellata da YouTube dopo le polemiche, frasi come “Nui ca ci mettimmu ‘o core dinta ‘e lettere… arret’ a ‘sti cancelli pensann’ ‘a liberta’” (Noi che mettiamo il cuore dentro le lettere…dietro a questi cancelli pensiamo alla liberta’). Quindi l’attacco al processo: “Ppe colpa d’u pentito nui stamm’a pava’… int’a stu processo Aemilia ‘ncuollo a nui hanno raccuntato nu par ‘e strunzate… c’hanno cundannat'” (Per colpa di un pentito noi stiamo pagando dentro a questo processo Aemilia addosso a noi hanno raccontato un paio di stronzate ci hanno condannato”).


Mara Bertoldi, attuale vice sindaco di Bagnolo, che correrà a capo della lista “Bagnolo Bene Comune” alle prossime elezioni, interviene e commenta: “L’impegno per la legalità deve essere un dovere prioritario, non solo per i magistrati e le forze dell’ordine, ma anche per tutte le amministrazioni pubbliche. Spero che la sua presenza a Bagnolo sia smentita, perché sarebbe un ospite non gradito”.


Sulla vicenda, ha detto la sua anche la parlamentare del M5s, Maria Edera Spadoni, che scrive: “Inneggiare a condannati in primo grado per ‘ndrangheta non è arte. È alimentare l’anti-cultura nella quale prosperano le mafie, cancro dell’Emilia Romagna e dell’Italia intera. Le autorità neghino il concerto a Bagnolo e altrove a chi diffonde la cultura dell’illegalità”.