ReggioEmilia.press

Tutte le notizie su Reggio Emilia e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Reggio Emilia, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Barista uccisa, trovato il nascondiglio del presunto assassino. VIDEO

REGGIO EMILIA – Ad oltre 48 ore di distanza dalla barbara uccisione della 25enne barista cinese Hui Zhou (Stefania), dietro il bancone del locale “Moulin Rouge” all’ex Foro Boario, proseguono le ricerche del presunto assassino. La polizia ha anche trovato il suo nascondiglio, dopo averlo avvistato ed essere arrivati a un passo dalla cattura.

***

 E’ un mistero la fuga di Hicham Boukssid. Il 34enne marocchino senza fissa dimora, irregolare sul territorio italiano, è sparito dai radar delle forze dell’ordine dopo che era stato avvistato, in zona annonaria, nei pressi della linea ferroviaria Milano-Bologna. Inseguito, in quel frangente, dagli agenti della polizia locale il presunto assassino, peraltro scalzo, è riuscito a far perdere le proprie tracce dopo che era stato individuato un giaciglio, in mezzo ai rovi in fondo a via Giglioli Valle, sotto al cavalcavia, dove si incrociano ferrovia, tangenziale e torrente Crostolo, in cui il fuggitivo si è rifugiato e nel quale sono stati trovati alcuni indumenti e oggetti a lui riconducibili. Motivo per il quale, subito dopo, sono stati sguinzagliati i cani molecolari.

Trovato l’assassino della giovane barista: è riuscito a scappare di nuovo

Le operazioni di ricerca vedono in prima fila gli investigatori della Squadra Mobile della Questura, gli agenti delle Volanti, ma in campo ci sono anche i carabinieri, sia in divisa che in borghese. E poi elicotteri per monitorare il territorio dall’alto, con un supporto tecnico che è stato fornito anche dai vigili del fuoco che sono stati impegnati soprattutto lungo il Crostolo.

Oltre che al controllo del territorio gli investigatori hanno cercato di indirizzare la propria attenzione anche al giro di relazioni del presunto omicida: attività non facile perché il mondo di Hicham Boukssid è popolato da senza fissa dimora e da personaggi border-line. Non è escluso che l’uomo avesse in uso un telefono cellulare con il quale abbia contattato un conoscente che possa ora coprirlo o averlo aiutato ad allontanarsi. Si tratta, tuttavia, di ipotesi. Gli inquirenti sperano in un suo passo falso per poterlo acciuffare considerato anche che la sua foto è stata diffusa attraverso i mezzi di informazione e i social network.

Nessuna traccia neppure del coltello utilizzato per colpire a morte la ragazza: sono state ispezionate alcune condotte fognarie nei pressi dell’ex Foro Boario nell’eventualità che il nord africano lo avesse gettato in un tombino. Niente da fare. L’arma potrebbe essere pertanto ancora in suo possesso. Una fuga che sta assumendo, con il passare delle ore, i contorni di un vero e proprio giallo.
Si svolgeranno, intanto, lunedì all’istituto di medicina legale del Policlinico di Modena gli esami autoptici sul corpo della giovane vittima.

Leggi e guarda anche

Barista uccisa, il ricordo della maestra di Hui Zhou: “Una ragazza splendida”. VIDEO

Fiori, pupazzi, bigliettini e una manifestazione per ricordare la barista uccisa. VIDEO

Trovato l’assassino della giovane barista: è riuscito a scappare di nuovo

Barista uccisa, con la polizia a caccia dell’assassino: guarda il video delle ricerche

Barista uccisa, con la polizia a caccia dell’assassino: guarda il video delle ricerche

L'articolo Barista uccisa, trovato il nascondiglio del presunto assassino. VIDEO proviene da Reggionline.


ReggioEmilia.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza