In Appennino scoppia la “guerra delle pecore”

2 settimane fa 71
DBR - Data Breach Registry Web tool

VENTASSO (Reggio Emilia) – Nell’Appennino reggiano scoppia la guerra delle pecore. Nell’area del monte Cusna, infatti, proseguono gli invii di greggi di ovini per il pascolo, trasportati con tir, nonostante il diniego per quest’anno dei proprietari dei terreni di affittarli, come avvenuto invece nel 2021.

I possessori delle greggi, dal canto loro, invocano il rinnovo automatico dell’affitto in base alle norme dei fondi rustici. Sulla questione interviene ora anche il Parco nazionale dell’Appennino secondo cui la pretesa “risulta palesemente infondata perché, come noto, le norme sugli affitti non si applicano ai beni di uso civico (come appunto il pascolo, ndr)”.

Si tratta dunque, dicono dal Parco, “di una grave forzatura nei confronti delle comunità e delle amministrazioni di uso civico che potranno e dovranno agire a tutela. Il Parco non deve, non può e non intende sostituirsi ad esse. È tuttavia pronto a sostenerle”.

Secondo l’ente infatti, “n...

Leggi tutto questo Articolo

In Appennino scoppia la “guerra delle pecore”